Gesù Cristo: un solo uomo morì per tutti

immagine-commemorazione

Il riscatto è la più grande espressione “dell’immeritata benignità di Dio”. (Atti 20:24)  Gesù istituì il Pasto Serale del Signore e fu ucciso nel giorno della pasqua ebraica, che veniva osservata come “memoriale” della liberazione di Israele dalla schiavitù d’Egitto, avvenuta nel 1513 a.E.V. (Esodo 12:14) La pasqua ebraica si celebrava solo una volta all’anno, il 14° giorno del mese ebraico di nisan. (Esodo 12:1-6; Levitico 23:5) Questo indica che la morte di Gesù dev’essere commemorata con la stessa frequenza della pasqua ebraica, cioè una volta all’anno, non mensilmente, settimanalmente o quotidianamente.

Perciò è appropriato osservare la Commemorazione una volta all’anno, il 14 nisan. Fu Gesù stesso  durante l’Ultima Cena a comandare ai suoi discepoli: “Continuate a far questo in ricordo di me” (Luca 22:19) Quest’anno l’anniversario della morte di Gesù ricorre il 26 Marzo 2013 dopo il tramonto. Questa celebrazione si terrà in tutte le congregazioni dei Testimoni di Geova del mondo e in altri luoghi appropriati.  E’ loro desiderio invitare le persone sincere e aiutarle a essere presenti a questo importante avvenimento che rende testimonianza dell’immeritata benignità di Geova verso l’umanità.

Come avviene in tutti gli incontri dei Testimoni, l’ingresso è libero e non si fanno collette.

Commenti

commenti

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Web & Design G.A.