S.S. 275: prima la bonifica delle discariche abusive!

275-300x225

Continua la mobilitazione del Comitato S.S.275. La lunga battaglia giudiziaria e civile non è finita, ma nonostante le sentenze pendenti, in particolare la Sentenza del Consiglio di Stato n. 5707 del 2012 ruolo generale del ricorso fatto dai proprietari espropriandi, ed altri ricorsi pendenti davanti ai Tribunali amministrativi e penali, numerosi tecnici sono in questi giorni sparsi sul territorio del Capo di Leuca intenti a misurare ed a notificare lettere di esproprio ed immissione in possesso di particelle e proprietà.

Il Comitato S.S. 275 ribadisce la totale nullità di tutti gli atti della procedura di esproprio nonché risulta una forzatura la tempistica con cui questi procedimenti stanno avvenendo in quanto non attendono i tempi del diritto e continuano a violare in maniera palese la legalità

“Consci del fatto che gli addetti non sono altro che degli esecutori, manderemo il nostro messaggio alle più alte cariche della società ANAS spa, facendogli presente che oltre alla sua anacronistica realizzazione,” ribadisce il Comitato S.S. 275  “esistono problemi oltre che di impatto ambientale, paesaggistico ed economico anche di salute pubblica, in quanto il tracciato seppellirà in contrada Matine ad Alessano tre discariche abusive in cui negli anni ‘90 si è sversato di tutto e di cui sono state informate con apposito esposto denuncia le autorità interessate.

Esistono allora somme destinate alla bonifica preventiva di questi luoghi? O si vuole definitivamente occultare peccati remoti realizzati da ecomafie con la complicità omertosa della ‘politica?  Una pietra tombale che un territorio martoriato come il Salento non può sopportare.

Commenti

commenti

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Web & Design G.A.