Scuola: Iscrizioni on-line … ed è caos!

BIG20333

Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha deciso definitivamente per le iscrizioni a scuola on-line. L’obiettivo naturalmente è quello di risparmiare sulla carta. Calcolando circa un milione e 700.000 iscrizioni si dovrebbe avere un risparmio per 5 milioni di fogli e 84.000 ore di lavoro in meno nelle segreterie che non devono più inserire i dati a mano dai moduli cartacei.

Le domande pervenute tra il 21 gennaio ed il 28 febbraio saranno valutate da ogni singolo Consiglio d’Istituto secondo i criteri di precedenza tenendo conto dell’area di residenza, dell’area di lavoro dei genitori e della presenza di fratelli e sorelle nella stessa Scuola. Già subito la mattina del 21 gennaio, il sito del Ministero è stato preso d’assalto da tantissimi genitori che hanno avuto paura di non poter assicurare la Scuola prescelta per i loro figli.

Ma cosa faranno tutte quelle famiglie che ancora non hanno un pc e non possono collegarsi?

I dati Istat parlano chiaro: in Italia 4 famiglie su 10 ancora non hanno un computer.

È necessario precisare che l’obbligo delle iscrizioni on-line non è per le famiglie ma bensì per le Scuole. Tutti gli Istituti Scolastici, infatti, dovranno obbligatoriamente assistere i genitori che non hanno una connessione internet. Risulta così che, tutto il risparmio sulla carta, non farà altro che aumentare il lavoro delle segreterie per l’assistenza alle famiglie in difficoltà.

 

Cristina Corinaldi

Commenti

commenti

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Web & Design G.A.