Sagra del Negroamaro a Cellino San Marco

Sagra2013.jpg  cellinosanmarco

Fervono i preparativi per la “Sagra del Negroamaro”, che si svolgerà Sabato 31 agosto e domenica 1 settembre a Cellino San Marco. Si rinnova anche quest’anno un cult dell’estate salentina, l’appuntamento dedicato alle eccellenze enoiche ed enogastronomiche salentine che è ormai giunto alla sua quinta edizione, al pari di quello organizzato dai cugini del “Premio Terre del Negroamaro” a Guagnano. Il programma dell’edizione 2013 si presenta ricco di sorprese, già a partire dalla collaborazione in atto nell’ambito del progetto ETCP Grecia Italia 2007-2013 WINE NET, che arricchisce l’evento di una cornice concettuale alla quale da diversi anni Associazione Sagra del Negroamaro e Amministrazione Comunale di Cellino San Marco stanno lavorando in maniera congiunta al fine di conferire all’evento una più adeguata visibilità avendo come punto di partenza la promozione e la valorizzazione della cultura salentina d’eccellenza, sempre più proiettata verso scenari internazionali in virtù dei numerosi successi riscossi in vari ambiti. Proprio l’interculturalità della “salentinità” è il nucleo attorno al quale gravitano le due serate ricche di eventi dal notevole spessore artistico e culturale. Big Opening prevista per sabato 31 agosto alle ore 21 con la consegna dei riconoscimenti “Premio Città Del Negroamaro” e “Ambasciatori della Città del Negroamaro”.  Condurrà la serata il direttore di Telerama, Gaetano Gorgoni. I riconoscimenti saranno conferiti a personalità che si sono spese per diffondere la cultura dell’eccellenza e valorizzare i tratti distintivi di un Salento figlio del Mediterraneo, crocevia di popoli e culture, luogo di inattese risorse, terra che ha assaporato il gusto amaro dell’essere periferia ed è stata in grado di riscattarsi grazie a chi ha creduto nel suo potenziale. Diverse le categorie di premiati: produzione vitivinicola, marketing territoriale, ricerca scientifica, arte e spettacolo, impegno ed inclusione sociale, turismo, valorizzazione del territorio in prospettiva storica e diverse altre attività che hanno contribuito a rendere il Salento  una meta di eccellenza. La serata si concluderà con le esibizioni di numerosi artisti ed il concerto finale degli “Mpizzicafuecu”, un gruppo di giovani musicisti, cantanti e ballerini di pizzica che animeranno la piazza nel segno della vitalità tipicamente salentina che da anni è alle luci della ribalta. Grande sorpresa domenica 01 settembre in occasione del tradizionale “concertone” che, fin dalla prima edizione, ha regalato alle migliaia di visitatori la possibilità di assistere all’esibizione di artisti di calibro nazionale ed internazionale, i quali grazie ai loro sound hanno regalato a Cellino immagini di una Piazza Padre Pio stracolma e danzante (si pensi alle circa 8.000 presenze registrate per il concerto dei BoomDaBash durante la precedente edizione). L’appuntamento è particolarmente atteso dato il calibro degli artisti sul palco. “Un regalo che merita il nostro paese“ è il commento degli organizzatori. Sicuramente il sold out si ripeterà anche quest’anno, vista la spasmodica attesa per il concerto free entry della band italiana tra le più famose al mondo per la reggae music: i SUD SOUND SYSTEM accompagnati da BAG A RIDDIM BAND.  La scelta di  mostri sacri del panorama musicale italiano non è stata casuale, ma mossa dal loro fortissimo legame con la terra Salentina e dalla loro continua voglia di promuoverne la cultura producendo brani che sono entrati a far parte a pieno titolo della colonna sonora di tre generazioni. Saranno ospiti della serata altri artisti tra cui “Mad Dopa”, cantante emergente del panorama Hip-Hop nazionale che, alle soglie del suo primo lavoro da solista con collaborazioni con cantanti del calibro di Clementino, Dj Gruff e Apres La Classe, vanta già importanti esperienze: basti citare l’apertura del concerto di SNOOP DOG (Parco Gondar 2013);  altra presenza eccellente quella dei “Kaya Killa Sound”, capitanati dal selector “Giorgio Rude”, uno dei dj più talentuosi, eclettici e apprezzati della scena Dance hall – Reggae – HipHop, vincitore nel 2013 dell’Italian Dj Competition in Puglia e secondo allo spareggio della finalissima nazionale; poi sarà la volta dei produttori italiani “The 30 Differences” (letteralmente Le Trenta Differenze) nati nella primavera del 2012 dall’unione di due producers pugliesi: Antonio Morph Carassi e Mattia Malerba, che manipolano con estro le original version di vari produttori creando sonorità dal tocco insolitamente “differente”. L’onore di aprire il concertone quest’anno spetta ai sound di “D-JD”, giovane selector salentino dalle indiscusse capacità e dalla personalità interessante che di certo darà la giusta carica al pubblico della grande serata.  «Stiamo lavorando a questo grandissimo evento da dicembre scorso…» afferma Alberico De Lorenzo, direttore artistico della Sagra Del Negroamaro, il quale continua: «non è semplice organizzare uno spettacolo di questo livello, con artisti di questo calibro ed ingresso completamente gratuito, ma abbiamo voluto profondere tutte le nostre forze per rendere possibile quello che consideriamo un bel regalo per Cellino San Marco, confidando nella convinzione che il nostro paese merita questi due giorni!… la gioia dei nostri concittadini e di numerosissimi salentini, oltre che turisti, puntualmente ci ripaga di tutti i sacrifici e ci stimola a migliorare di anno in anno».  Un impegno importante anche per l’amministrazione comunale, che ha inteso riconoscere alla manifestazione la giusta importanza dando avvio ad una forma di collaborazione culturale di non poco conto: la due giorni rientra a pieno titolo come azione specifica del progetto di cooperazione territoriale europea Grecia Italia 2007-2013 WINE NET.  “Un’operazione di pianificazione strategica dello sviluppo locale particolarmente impegnativa – afferma l’avv. Francesco Cascione, Sindaco di Cellino San Marco –, che prevede il coinvolgimento di numerosi attori dello sviluppo locale al fine di rafforzare la competitività e la coesione territoriale nelle zone coinvolte dal progetto, in sintonia con i propositi dello sviluppo sostenibile e ponendo in relazione il potenziale da entrambi i versanti dell’area transfrontaliera.

Commenti

commenti

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Web & Design G.A.